Cooperante italiano morto a Capo Verde: Cospe, “faremo di tutto per capire l’accaduto e darti giustizia”

“Caro David, vogliamo ricordarti così: sorridente, gentile, appassionato di questo lavoro”. Così l’Ong fiorentina Cospe ricorda la morte, nella notte tra martedì e mercoledì, di David Solazzo, giovane agronomo di 31 anni a Capo Verde per coordinare un progetto di cooperazione sull’isola di Fogo. Il giovane è stato trovato morto ieri mattina nella sua casa ma non si sanno ancora i motivi: “Le autorità locali stanno ancora indagando” e oggi ci sarà l’autopsia. “La tua morte lascia un vuoto immenso in tutti noi – scrive il Cospe sui suoi canali social –. La tua giovane vita era solo all’inizio. Ci lasci tutti i tuoi sogni, le tue speranze e la tua grande professionalità. Faremo di tutto per capire l’accaduto e darti giustizia e per continuare con la tua stessa passione questo complesso lavoro fatto di impegno e amore per gli altri. Ringraziamo tutti coloro che in questo terribile momento ci sono vicini con parole di cordoglio e di affetto. Il mondo sarà un luogo più triste senza di te. Un grande abbraccio alla famiglia, agli amici, alla tua fidanzata e a tutti quelli che ti hanno conosciuto”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo