Papa Francesco: a Federazione europea Banchi alimentari, “l’Europa ha radici solidali, economia circolare non rimandabile”

“Le vostre realtà, pur recenti, ci riportano alle radici solidali dell’Europa, perché ricercano l’unità nel bene concreto: è bello vedere lingue, credo, tradizioni e orientamenti diversi ritrovarsi non per condividere i propri interessi, ma per provvedere alla dignità degli altri”. Lo ha detto Papa Francesco ai membri della Federazione europea dei Banchi alimentari, ricevuti stamani in udienza nella Sala del Concistoro del Palazzo apostolico vaticano, a conclusione della riunione annuale svoltasi a Roma per i 30 anni dalla fondazione del Banco alimentare italiano. Il pontefice legge nella loro opera un “messaggio”: “Non è cercando il vantaggio per sé che si costruisce il futuro; il progresso di tutti cresce accompagnando chi sta indietro. Di questo ha tanto bisogno l’economia”. Nelle parole del Papa un monito: “La corsa frenetica al guadagno va di pari passo con una fragilità interiore sempre più acuta, con un disorientamento e una perdita di senso sempre più avvertiti”. Di qui l’impegno di Francesco per “un’economia che assomigli di più all’uomo, che abbia un’anima e non sia una macchina incontrollabile che schiaccia le persone”. “Troppi oggi sono privi di lavoro, di dignità e di speranza – ha osservato -; tanti altri, al contrario, sono oppressi da ritmi produttivi disumani, che azzerano le relazioni e incidono negativamente sulla famiglia e sulla vita personale”. E, ancora, una considerazione: “L’economia, nata per essere ‘cura della casa’, è diventata spersonalizzata; anziché servire l’uomo, lo schiavizza, asservendolo a meccanismi finanziari sempre più distanti dalla vita reale e sempre meno governabili”. Infine, la via indicata dal pontefice: “Di fronte a un contesto economico malato non si può intervenire brutalmente, col rischio di uccidere, ma occorre prestare cure”, alimentare “il bene, intraprendendo percorsi sani e solidali”. “Un’economia circolare non è più rimandabile”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori