Papa Francesco: al Celam, porre lo sguardo “su Dio e sui popoli dell’America Latina”

Porre lo sguardo su Dio e sui popoli dell’America Latina e il Caribe. È questo l’invito rivolto da Papa Francesco ai vescovi del Consiglio episcopale latinoamericano (Celam), la cui assemblea generale è in corso da lunedì a Tegucigalpa (Honduras). Ieri, all’inizio della prima sessione dei lavori, è stato letto il saluto del Papa, inviato attraverso il segretario di Stato Pietro Parolin. Francesco guarda al Celam come a un organismo di comunione ecclesiale, chiamato a collaborare con i pastori perché animino e sostengano, con un spirito rinnovato, la loro missione, dando risposta alle sfide del Continente.
La sessione è stata presieduta dal presidente del Celam, card. Rubén Salazar Gómez. Il nunzio apostolico in Honduras, mons. Novatus Rugambwa, ha ricordato nel suo saluto che, di fronte alle sfide della realtà, l’azione della Chiesa dev’essere “visibile, tangibile ed efficace nella vita pubblica”, invitando l’assemblea a effettuare una lettura della realtà latinoamericana.
Parole di benvenuto sono giunte, a nome della Chiesa honduregna, dal presidente della Conferenza episcopale, mons. Ángel Garachana Pérez, vescovo di San Pedro Sula, e dall’arcivescovo di Tagucigalpa, il card. Oscar Andrés Rodríguez Maradiaga. Quest’ultimo ha anche detto che, di fronte agli attacchi concreti alla figura del Santo Padre, il Celam ha “un debito d’amore e gratitudine” ed è chiamato a “offrire una parola per coloro che non hanno amore perché non hanno fede e speranza”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo