Carcere: Isola solidale, consegnato oggi il premio “Sulle ali della libertà”

Si è tenuta questa mattina presso Palazzo Altieri, a Roma, la cerimonia di consegna del premio nazionale “Sulle ali della libertà”, promosso per il secondo anno consecutivo da Isola solidale con l’obiettivo di promuovere la cultura negli istituti di pena. Sono stati valutati oltre 13 elaborati – arrivati da diverse case di reclusione d’Italia – da una commissione di esponenti del mondo della cultura, del giornalismo e del sociale presieduta da mons. Paolo lojudice, arcivescovo eletto di Siena, e da Stefano Anastasia, Garante dei detenuti del Lazio. Il vincitore di questa edizione è Francesco Argentieri, un detenuto della Casa circondariale di Rossano Calabro (Cs), che ha conseguito in carcere la laurea in sociologia con la tesi su “La sfera pubblica: il carcere come progetto sociale”. Il premio consiste in 1.000 € in buoni libro. “L’anno scorso – ha detto Alessandro Pinna, presidente dell’Isola solidale – il vincitore della prima edizione ricevendo il premio ha sottolineato che ‘la cultura rende liberi’. È per questo che abbiamo scelto di proseguire con questa nostra iniziativa e intendiamo farlo ancora per tanti anni”. “Se i detenuti potessero trascorrere il tempo del carcere a formarsi e a studiare per prendere un titolo di studio – ha concluso Pinna –, sicuramente uscirebbero più facilmente da quei circuiti che li hanno portati a delinquere”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo