Rom e Sinti: ieri in udienza dal Papa 50 residenti nel campo di Scordovillo e nella “Ciampa”. Don d’Apa (Migrantes Lamezia Terme), “esperienza carica di emozione”

Esperienza unica, quella vissuta da una delegazione di cinquanta rom residenti nel campo di Scordovillo e nella “Ciampa” (diocesi di Lamezia Terme) che ieri mattina hanno avuto modo di incontrate Papa Francesco a Roma durante l’udienza che il Santo Padre ha avuto con cinquecento rom e sinti in Vaticano. La delegazione, guidata da don Giuseppe d’Apa, direttore dell’Ufficio Migrantes della diocesi, ha così vissuto “una bella ed inaspettata esperienza carica di emozione – ha detto il sacerdote –. L’incontro con il Papa, infatti, è stato un momento di crescita e di confronto, non solo per i rom presenti”. Subito dopo l’udienza con Francesco, nel pomeriggio la delegazione lametina ha anche presenziato all’incontro con don Giovanni De Robertis, svoltosi nell’auditorium del Divino Amore a Roma, e conclusosi con danze e balli tipici. La visita a Roma è parte del percorso che l’Ufficio sta portando avanti da anni ponendosi come obiettivo quello dell’integrazione e del dialogo in quanto sempre più convinti che “solo l’incontro fa superare ogni paura ed abbattere ogni muro”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori