Gioco d’azzardo: Consulta antiusura, domani convegno a Torino per promuovere “lavoro di prevenzione e azione contro il fenomeno”

“Azzardo, fra legislazione nazionale, regionale e regolamentazione degli enti locali”: questo il titolo del convegno che si terrà a Torino, domani, presso il Sermig–Arsenale della, organizzato dalla Consulta nazionale antiusura “Giovanni Paolo II”, in collaborazione con la Fondazione antiusura “San Matteo” di Torino Città di Torino. I lavori si apriranno alle ore 9 con la celebrazione eucaristica nella cappella del Sermig, presieduta da mons. Marco Arnolfo, arcivescovo di Vercelli. Dopo i saluti istituzionali, la prima parte della tavola rotonda verterà sulla diffusione dell’azzardo nelle Regioni dell’Italia Settentrionale. Interverranno Roberto Mollo, presidente della Fondazione antiusura S. Matteo (Piemonte), Alberto Montani, presidente della Fondazione antiusura S. Maria del Soccorso (Liguria), Antonio Colzani, consigliere della Fondazione antiusura S. Bernardino (Lombardia).
Nella seconda parte del convegno relazioneranno Renato Balduzzi, ordinario di Diritto costituzionale all’Università Cattolica di Milano; il sociologo Maurizio Fiasco, consulente della Consulta nazionale antiusura; Attilio Simeone, coordinatore nazionale del Cartello “Insieme contro l’azzardo”; Raffaele Cantone, presidente dell’Autorità nazionale anticorruzione; la psicologa Daniela Capitanucci, presidente onorario di And “Azzardo e Nuove Dipendenze”. Le conclusioni saranno affidate a Luigi Gaetti, sottosegretario di Stato al Ministero dell’Interno, e a Luciano Gualzetti, vicepresidente della Consulta nazionale antiusura.
“L’azzardo è un fenomeno complesso e insidioso che va contrastato su più fronti: dell’economia, della politica economica, della salute pubblica e della legalità – dichiara Luciano Gualzetti -. Il convegno, pertanto, si propone di promuovere e incentivare il lavoro di prevenzione e azione contro un fenomeno che è causa di indebitamento patologico di milioni di famiglie italiane che porta a comportamenti irrazionali, come il pagamento dei debiti con altri debiti – la cosiddetta staffetta dei debiti – e a trovare soluzioni alle difficoltà di restituzione nella fortuna e nell’azzardo. E poi si arriva all’usura. Nell’ottica del dialogo e della collaborazione tra e con le Istituzioni, le Fondazioni antiusura riunite nella Consulta nazionale antiusura hanno invitato intorno a un unico tavolo rappresentanti del mondo politico-istituzionale ed esperti che si interfacciano con i fenomeni dell’azzardo e dell’usura”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa