Germania: premio Lew Kopelew alla “Mission Lifeline”. Card. Marx (Dbk), “poiché gli Stati non hanno trovato una soluzione voi siete indispensabili”

Al capitano Claus-Peter Reisch e alla missione di salvataggio “Mission Lifeline” ieri, a Colonia, è stato consegnato il premio internazionale Lew Kopelew per la pace e i diritti umani. “Gli Stati europei non possono sottrarsi all’obbligo etico e internazionale del salvataggio in mare. Se non sono in grado di assicurare un soccorso adeguato, devono almeno permettere ai soccorritori della società civile di agire. Al momento, sembra il contrario”. È il card. Reinhard Marx, presidente dei vescovi tedeschi ad aver pronunciato queste parole di denuncia alla cerimonia della consegna del premio. “Certo i servizi di soccorso civile non sono una soluzione politica ai problemi dei rifugiati e migranti nel Mediterraneo”, ha continuato Marx. “Ma proprio perché gli Stati europei finora non hanno trovato alcuna soluzione, il soccorso marittimo rimane indispensabile”, come dovere di salvare vite umane e come sfida agli Stati. “Lei, caro capitano Reisch e voi cari colleghi della Mission Lifeline”, ha poi aggiunto il cardinale, “non vi siete lasciati distrarre nemmeno dalle difficoltà, ma il principio ‘bisogna salvare chi annega’, è stato e continua a rimanere valido senza se e senza ma”. Ha quindi concluso: “Proprio nei periodi in cui il vento soffia più forte, voi siete garanzia di umanità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa