Elezioni europee: Acli, “applicare pilastro sociale e mettere al centro il lavoro, continuare cooperazione politica, investire in percorsi di cittadinanza”

“Chiediamo ai governi europei di rafforzare l’Europa sociale attraverso l’applicazione del pilastro sociale europeo e di mettere al centro il lavoro come strumento di crescita relazionale e culturale della comunità, investendo su nuove tutele per le giovani generazioni”. È la prima delle richieste ai governi Ue contenuta nell’appello “Together we stand, divided we fall”, lanciato oggi a Colonia dalle Acli in occasione del flash mob promosso in collaborazione con Kab Bundesverband (il più importante sindacato cattolico tedesco), Ecwm (il movimento europeo dei lavoratori cristiani) e Acli Germania. “È necessario continuare nella strada della cooperazione politica che l’Europa rappresenta – prosegue il documento – mettendo in comune la difesa dei nostri Paesi e i servizi di intelligence e sicurezza”. Infine, “proseguire nell’investimento in cittadinanza europea” moltiplicando le opportunità di mobilità per i giovani. Temi essenziali “per costruire una unità europea anche capace di saper aspirare a molto di più”. L’Europa, nata dalla cultura del cristianesimo, “ha saputo accogliere e contemperare ogni differenza”; per questo può essere il più importante soggetto internazionale di pace. Di qui l’invito a tutti i cittadini Ue, in occasione delle elezioni per il rinnovo del Parlamento, a votare candidati e partiti che abbiano a cuore questi principi.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa