Diocesi: Rimini, oltre 115mila euro incassati dai mercatini del Campo Lavoro missionario. Da conteggiare l’introito di rottami e lotteria

Ammontano ad oltre 115mila euro gli incassi registrati complessivamente in tutti i centri di raccolta della diocesi di Rimini impegnati nel fine settimana nel Campo Lavoro missionario. Rispetto all’anno scorso è stato registrato un aumento di quasi 7mila euro, grazie agli introiti dei sempre più affollati mercatini dell’usato che, per la prima volta, hanno superato la soglia dei 100mila euro, mentre altri 15mila euro sono venuti dalle iniziative collaterali organizzate nel corso della due giorni.
Per un bilancio definitivo occorrerà ora aggiungere l’incasso della lotteria (il cui conteggio è ancora in corso) e soprattutto attendere la pesatura e la vendita dei rottami accumulati nei piazzali, ceduti a ditte che operano sul mercato del recupero. Nel 2018 si raccolsero 177 tonnellate di ferro e metalli vari, 159 tonnellate di indumenti, 71 tonnellate di carta, 42 tonnellate di rifiuti elettronici.
Al di là del risultato economico, gli organizzatori “vogliono sottolineare come il 39° Campo Lavoro sia stato un esempio virtuoso di economia circolare, dimostrando che è possibile dare una seconda vita alle cose, senza la necessità di comprarne sempre di nuove. Così come è stato, ancora una volta, una festa di popolo, un bellissimo momento di incontro tra culture diverse, una testimonianza di quella Rimini solidale capace di rimboccarsi le maniche per offrire un po’ di aiuto a chi ha bisogno di tutto”.
Grazie a quanto raccolto con il Campo Lavoro sarà possibile sostenere progetti educativi, sanitari, di avviamento al lavoro in Etiopia, Costa d’Avorio, Zambia, Camerun e Bolivia oltre che aiutare le famiglie riminesi che non arrivano a fine mese. Altre destinazioni saranno infine possibili in base ai risultati finali di questa edizione.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa