Diocesi: Ancona-Osimo, mercoledì il filosofo Cacciari all’apertura delle celebrazioni per l’Anno francescano

In occasione dell’apertura delle manifestazioni, relative a “2019: Anno francescano nell’arcidiocesi di Ancona-Osimo”, mercoledì 10 aprile Massimo Cacciari terrà una conferenza, presso il Polo universitario di Montedago di Ancona, su “L’erranza di san Francesco” (aula magna di Ateneo “Guido Bossi” – ore 17.45). Cacciari, che è tra i maggiori filosofi contemporanei, ad Ancona è stato invitato a più riprese da Giancarlo Galeazzi, direttore dell’Ufficio diocesano per la cultura, in particolare alle rassegne filosofiche “Le ragioni della parola” (a Portonovo) e “Le parole della filosofia” (al Teatro Sperimentale), nonché al Festival “Adriatico/Mediterraneo” (alla Mole Vanvitelliana) e al Festival di cultura e spiritualità “Le giornate dell’anima” (nell’aula magna di Ateneo). Chiamato ora ad inaugurare le manifestazioni per l’ottavo centenario della partenza di san Francesco dal porto di Ancona per la Terra Santa”, svolgerà una riflessione sviluppando l’interpretazione data in “Doppio ritratto. San Francesco in Dante e Giotto”, che potrebbe anche intitolarsi “il terzo ritratto”, perché quello tracciato da Cacciari va oltre Dante e Giotto, cogliendo l’esperienza francescana della povertà non solo come rinuncia, ma anche come rinascita del sé, ricco però di un nuovo sguardo sul reale “che concepisce qualsiasi filo di esistenza come un prossimo sempre tale e perciò impossedibile”. L’incontro sarà aperto dal rettore dell’Università Politecnica delle Marche Sauro Longhi, cui seguiranno gli interventi dell’arcivescovo di Ancona-Osimo, mons. Angelo Spina, e di Giancarlo Galeazzi.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa