Parlamento Ue: conciliazione famiglia-lavoro, nuova legge sul congedo parentale. Paternità, 10 giorni retribuiti

foto SIR/Marco Calvarese

(Bruxelles) Passa ad ampia maggioranza (490 voti a favore, 82 contrari e 48 astensioni) la nuova direttiva Ue per facilitare la conciliazione tra lavoro e vita di famiglia. La legge, approvata oggi dal Parlamento europeo a Bruxelles, stabilisce i requisiti minimi che tutti gli Stati membri dovranno attuare “nel tentativo di aumentare le opportunità delle donne nel mercato del lavoro e rafforzare il ruolo del padre, o di un secondo genitore equivalente, nella famiglia”. Secondo una nota del Parlamento, “beneficeranno di tali norme i bambini e la vita familiare, rispecchiando al contempo più accuratamente i cambiamenti sociali e promuovendo la parità di genere”. Il padre (“o il secondo genitore equivalente, se riconosciuto dalla legislazione nazionale”, come si legge nella documentazione del Parlamento), avrà diritto ad almeno 10 giorni lavorativi di congedo di paternità retribuito nei giorni vicini alla nascita “o al parto del feto morto”. Tale congedo dovrà essere pagato ad un livello non inferiore all’indennità di malattia. Attualmente in Italia la durata del congedo obbligatorio per il padre è di 5 giorni. I deputati hanno inoltre aggiunto due mesi di congedo parentale non trasferibile e retribuito (ovvero che può essere goduto da uno dei due genitori). “Questo congedo sarà un diritto individuale, in modo da creare le condizioni adeguate per una distribuzione più equilibrata delle responsabilità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Italia