This content is available in English

Settimana europea giovani: Duch (Parlamento Ue), “scelte degli elettori decidono se e come l’Unione progredirà o no”

Bruxelles, 30 aprile: Jaume Duch interviene all'evento di apertura della Settimana europea giovani (foto SIR/Marco Calvarese)

(Bruxelles) “Siamo contenti che siate qui 23 giorni prima delle elezioni europee”, ha detto Jaume Duch, direttore generale della comunicazione e portavoce del Parlamento europeo, aprendo nell’emiciclo la seconda giornata di lavori della Settimana dei giovani, a Bruxelles. “È la prima volta che questa iniziativa è ospitata dal Parlamento”, ha aggiunto Duch, “e non è una coincidenza: non c’è posto migliore per discutere dell’Ue e di democrazia che l’emiciclo”. “Questo luogo tra pochi mesi sarà riempito dagli eurodeputati che nei prossimi anni decideranno il futuro dell’Ue”, ha continuato. Saranno le scelte degli elettori europei tra poche settimane “a decidere se e come l’Ue progredirà o no”, “dipenderà da voi”, ha detto rivolgendosi ai giovani. Ai giovani Duch ha affidato il compito di incoraggiare chi sta loro intorno ad “assumersi la responsabilità” del voto. In plenaria poi sono state raccontate alcune “idee” legate alla campagna “Stavolta voto”, come quella di Evangelos Kassos che, mutuandola dall’esperienza delle elezioni americane del novembre 2018, ha proposto di creare delle “squadre di voto”. Semplici i passi: coinvolgere 5 persone con cui creare un gruppo social, condividendo con loro foto, messaggi, video di incoraggiamento al voto perché “come leader della squadra tu sei responsabile di sapere che tutti vadano a votare”, ha detto Evangelos. I giovani presenti sono stati infine invitati a scambiarsi idee e informazioni legati alla campagna elettorale in piccoli gruppi informali.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori