Iran: Msf, “alluvioni hanno causato enormi danni, spazzato via case, strade e ponti”

Alluvioni nella provincia del Khūzestān, in Iran (Foto: Medici senza frontiere)

Forti piogge hanno causato violente inondazioni in Iran nelle ultime settimane, lasciando città e villaggi sommersi dall’acqua e danneggiando case, campi e infrastrutture. Le piogge sono iniziate il 19 marzo nella provincia nordorientale di Golestan, al confine con il Turkmenistan, e una settimana dopo hanno inondato le province sudoccidentali di Lorestan e Khuseztan, al confine con l’Iraq. I team di Medici senza frontiere (Msf) hanno visitato le aree colpite tra l’8 e il 18 aprile per valutare i bisogni della popolazione.
Elham Miraghazadeh, vice capomissione di Msf, racconta che “la prima località che abbiamo visitato è stato il quartiere di Afghan Abad, nel Gonbad, dove vivono molti turkmeni afgani. Trovandosi a ridosso del fiume, alcune case sono state completamente spazzate via mentre altre erano totalmente o parzialmente sommerse. Più di 400 famiglie hanno perso tutti o gran parte dei loro beni. Queste persone sono state evacuate e ora vivono in tende o in campi sfollati preesistenti. Sebbene siano stati distribuiti alcuni beni essenziali, hanno un grande bisogno di assistenza per soddisfare le loro necessità di base”. In altre due città, Aq Qala e Gomishan, “il livello dell’acqua era talmente alto che le macchine non potevano procedere e siamo dovuti tornare indietro. In seguito, un secondo team di Msf è riuscito a raggiungere le città, dove l’acqua si stava ritirando e le persone stavano tornando alle loro case”, prosegue Miraghazadeh, aggiungendo che “la città di Pol-e Dokhtar è stata particolarmente colpita e i suoi edifici sono ancora sommersi dal fango. Le persone stanno trovando riparo in accampamenti di tende”. “Poiché diversi ponti sono distrutti, molti villaggi nella regione di Pol-e Dokhtar sono tagliati fuori dalle strade principali. L’unico modo per raggiungerli con gli aiuti è in barca o in elicottero”.
I fiumi Karkheh e Dez hanno rotto gli argini, lasciando alcuni villaggi parzialmente o completamente sommersi dall’acqua. Alcuni villaggi sono stati totalmente abbandonati; in altri, alcuni giovani uomini e famiglie sono rimasti per proteggere i pochi beni che sono riusciti a salvare. I rifornimenti possono raggiungere queste persone solo via barca o elicottero.
“In tutte le province che abbiamo visitato, una delle difficoltà principali delle persone è stata non poter fare una doccia per giorni”, spiega Miraghazadeh: “L’acqua dai rubinetti è fuori uso. Le temperature stanno aumentando e per le persone è difficile fare i conti con il caldo e gli insetti. Tra poco sarà il mese del Ramadan. Viene distribuito del cibo, ma le persone preferiscono ricevere ingredienti di base e qualche utensile da cucina per preparare il proprio cibo da sé”. In molti villaggi, le strutture e le attrezzature mediche non sono più utilizzabili, le medicine sono state portate via dall’acqua, la conservazione a freddo rovinata.
Msf sta preparando la distribuzione di articoli non alimentari nella provincia del Golestan e la fornitura di assistenza medica di base con cliniche mobili nella provincia del Lorestan.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori