Parlamento Ue: Tajani, sconcerto per provvedimenti in Romania contro Laura Kovesi candidata a Procuratore capo europeo

(Bruxelles) Esprime “preoccupazione e sconcerto”, a nome del Parlamento europeo, il presidente Antonio Tajani, per i provvedimenti adottati dalle autorità romene contro Laura Codruta Kovesi, magistrato, candidata alla carica di Procuratore capo europeo. Kovesi è “stata sottoposta a regime di controllo giudiziario – spiega Tajani – con limitazione della libertà personale” e “divieto di rilasciare dichiarazioni alla stampa”. Tajani ricorda i principi di non ingerenza negli affari interni degli Stati membri e la presunzione di innocenza. Ma l’azione subita da Kovesi – magistrato che combatte corruzione e malgoverno e difende lo stato di diritto – suscita la reazione dell’Euroassemblea. Tajani afferma dunque che “Laura Codruta Kovesi rimane la nostra candidata e gode della fiducia e dell’appoggio dell’Assemblea” per la carica di Procuratore capo. Chiede altresì alle autorità rumene di non ostacolare la partecipazione della Kovesi alle procedure per l’identificazione del Procuratore capo. Sollecitato dall’aula, Tajani prende posizione anche contro la pena di morte che lo Stato del Brunei ha reintrodotto verso le persone omosessuali. “Non c’è ragione al mondo per togliere la vita a una persona”, afferma.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa