Don Sturzo: Antonetti, “suo Appello ai Liberi e forti un memorandum ancora attuale”

Un “memorandum” ancora attuale che “si conclude con un programma di partito sobrio, intelligente, incomparabile con i programmi politici di oggi”. Così Nicola Antonetti, presidente dell’Istituto Luigi Sturzo di Roma, ha definito l’Appello ai Liberi e forti di don Luigi Sturzo. “I dodici punti, che sembrano degli asciutti stilemi, nascondono delle riflessioni profonde”, ha spiegato Antonetti sottolineando che “i temi dell’appello sono posti a tutti i cattolici” e che “don Sturzo pone un indirizzo di metodo per affrontare le questioni”. Intervenendo alla conferenza stampa di presentazione del Convegno Internazionale “L’attualità di un impegno nuovo”, promosso in occasione del Centenario dell’Appello, che si terrà a Caltagirone dal 14 al 16 giugno, Antonetti ha auspicato che l’iniziativa aiuti a “i liberi e forti di oggi a sentirsi chiamati in causa, di fronte alle urgenze gravissime del nostro Paese”.
Il Convegno di Caltagirone, organizzato da un Comitato Promotore e Scientifico in collaborazione con il comune di Caltagirone, la diocesi di Caltagirone e la Regione Siciliana, vedrà il coinvolgimento delle rappresentanti delle Istituzioni civili e accademiche, delle associazioni e dei movimenti del Paese per una rilettura dei 12 punti del programma di don Sturzo che sia ampia, inclusiva, dialogante.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa