Pastorale famiglia: Ufficio nazionale Cei, da domani ad Assisi XXI Settimana nazionale di studi sulle vie di santità

“Gaudete et exsultate nell’Amoris laetitia: vie di santità coniugale e familiare” è il tema della XXI Settimana nazionale di studi sulla spiritualità coniugale e familiare che si apre domani, 25 aprile, ad Assisi (fino al 28 aprile) per iniziativa dell’Ufficio nazionale per la pastorale della famiglia della Cei. Sono 459 i partecipanti fra sacerdoti e coppie di sposi, responsabili per la pastorale familiare nelle diocesi italiane. A tre anni dall’Amoris laetitia, si legge in una nota di presentazione, è “ancora particolarmente vivo il fermento che lega la concretezza de ‘la santità della porta accanto’ al fare famiglia. In ascolto di Papa Francesco, sta crescendo la consapevolezza che ‘la santità non ti rende meno umano, perché è l’incontro della tua debolezza con la forza della grazia’”. Nel corso dell’incontro si rifletterà su come “andare oltre le interruzioni dell’amore, allenando i muscoli del cuore nella riconciliazione da vivere tutti i giorni all’interno della coppia, con i propri figli e anche nel condominio e nel luogo di lavoro”.
Ad aprire i lavori, domani pomeriggio, don Paolo Gentili con Pierluigi e Gabriella Proietti, rispettivamente direttore e coppia di sposi collaboratori dell’Ufficio Cei. La preghiera serale sarà presieduta da don Andrea Manto, responsabile pastorale familiare diocesi di Roma e vice preside dell’Istituto Ecclesia Mater (Pul). La veglia con adorazione, animata da una coppia di sposi, sarà invece presieduta da mons. Pietro Maria Fragnelli, vescovo di Trapani e presidente della Commissione episcopale per la Famiglia, i giovani e la vita. Il giorno seguente interverranno, fra gli altri, mons. Marco Frisina, biblista e rettore della Basilica di Santa Cecilia in Trastevere a Roma, e il card. Angelo De Donatis, vicario di Sua Santità Papa Francesco per la diocesi di Roma. Il congresso sarà però soprattutto l’occasione per sperimentare l’allegria di essere famiglia: per questo venerdì 26 aprile i partecipanti si trasferiranno a Gubbio “per liberare la gioia, attraverso giochi e laboratori fra genitori e figli” e per “ritessere le relazioni” nella “luce di San Francesco che ammansì il lupo”. A presiedere la preghiera della sera il vescovo di Gubbio, Luciano Paolucci Bedini. Quest’anno, in modo particolare, ci sarà un convegno nel convegno, attraverso 12 workshop. Nell’ultima giornata, domenica 28 aprile, uno scambio di buone prassi tra Chiese locali mentre sarà mons. Stefano Russo, vescovo di Fabriano-Matelica e segretario generale della Cei, a presiedere la Messa conclusiva ad Assisi.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo