Diocesi: Città di Castello, due iniziative in onore di Santa Caterina da Siena per ricordare “l’impegno delle donne” nella Chiesa e nella società

La diocesi di Città di Castello il 26 e 29 aprile propone un programma di celebrazioni in onore di Santa Caterina da Siena, dottore della Vhiesa e patrona d’Italia.
“Caterina è dottore della Chiesa, grazie agli scritti mirabili che ha lasciato, ed è anche la prima donna italiana “scrittrice’ in volgare, sono 381 lettere che sono arrivate a noi – ricorda una nota -. In Caterina si deve evidenziare, per quell’epoca, il ruolo sociale avuto come donna: fu chiamata dal Papa a predicare ai cardinali in Concistoro”. Tramite Santa Caterina “la diocesi tifernate vuole ricordare e ringraziare le donne per l’impegno profusa nel mantenere viva la fede nelle famiglie, nella società, nella cultura e per le opere di assistenza e carità che le vedono sempre presenti in prima fila. Sono passati alcuni secoli ma i messaggi che ha lasciato Caterina sono sempre attuali”. Nelle celebrazioni “sarà messa in risalto la sua grande personalità, sia religiosa sia civile”.
Due sono gli appuntamenti in programma. Venerdì 26 aprile alle ore 17,30, presso il salone gotico del museo del duomo, si terrà il convegno “Caterina una vita tra fede e impegno civile”. Saranno relatori don Andrea Czortek (“I Domenicani a Città di Castello nel Medioevo”) e suor Annalisa Bini (“Caterina da Siena: attualità di una patrona”). Moderatore Paolo Bocci della Consulta delle aggregazioni laicali della diocesi di Città di Castello.
Lunedì 29 aprile alle ore 18.30 in San Domenico avrà luogo la celebrazione eucaristica presieduta dal vescovo, mons. Domenico Cancian. Quella chiesa custodisce il corpo di un’altra domenicana, beata Margherita: “Margherita e Caterina due donne che, sospinte dalla grazia di Dio, hanno operato per il bene comune lasciando luminosi esempi di come si può vivere la fede ed essere soggetti attivi nella vita sociale”, conclude la nota.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo