Pasqua: mons. Viola (Tortona), “non c’è novità senza cambiamento”

“Non c’è novità senza cambiamento: il nostro impegno quaresimale di conversione diventa nel tempo di Pasqua la gioia della vita nuova”. Lo afferma mons. Vittorio Francesco Viola, vescovo di Tortona, nel messaggio in occasione delle festività pasquali pubblicato dal settimanale diocesano “Il popolo”.
La Pasqua, osserva il vescovo, è “l’evento della nostra riconciliazione”. “Il peccato – spiega il vescovo – ha infranto l’alleanza e ha portato la divisione in noi stessi e tra di noi. Ma Dio instancabilmente ha continuato ad offrirci la sua alleanza fino a quando, nella croce del suo Figlio, ha voluto realizzarla in modo definitivo perché, riconciliati con lui, potessimo sperimentare la riconciliazione con noi stessi e con gli altri”.
Davanti alla Pasqua, ammonisce mons. Viola, “non possiamo essere solo spettatori”.
“La riconciliazione con Dio – prosegue – ha delle conseguenze. La prima è la riconciliazione con se stessi che non è il frutto di un percorso di accettazione di sé ma è l’effetto di chi si sente amato. La seconda è la riconciliazione con i fratelli che non è il risultato di uno sforzo umano ma il dono della comunione”.
“La Pasqua – conclude il vescovo – fa nuove tutte le cose. L’augurio che rivolgo a tutti è di lasciarci rinnovare dalla potenza del suo amore, sia come singoli sia come comunità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori