Papa Francesco: Christus vivit, “i giovani sognano una famiglia”, matrimonio non è “fuori moda”. Aumento di separazioni e divorzi causa “grandi sofferenze” e “crisi di identità”

“I giovani sentono fortemente la chiamata all’amore e sognano di incontrare la persona giusta con cui formare una famiglia e costruire una vita insieme”. Ne è convinto il Papa, che nell’ottavo capitolo della “Christus vivit”, dedicato alla vocazione, definisce quella ad incontrare la persona giusta con cui formare una famiglia “una vocazione che Dio stesso propone attraverso i sentimenti, i desideri, i sogni”, come si legge nei capitoli quarto e quinto dell’Amoris Laetitia a proposito della vocazione al matrimonio cristiano. All’interno di esso, l’invito di Francesco, “dobbiamo riconoscere ed essere grati per il fatto che la sessualità, il sesso, è un dono di Dio. Niente tabù. È un dono di Dio, un dono che il Signore ci dà. Ha due scopi: amarsi e generare vita. È una passione, è l’amore appassionato. Il vero amore è appassionato. L’amore fra un uomo e una donna, quando è appassionato, ti porta a dare la vita per sempre. Sempre. E a darla con il corpo e l’anima”. “La famiglia continua a rappresentare il principale punto di riferimento per i giovani”, come è emerso dal Sinodo: “I figli apprezzano l’amore e la cura da parte dei genitori, hanno a cuore i legami familiari e sperano di riuscire a formare a loro volta una famiglia”. “L’aumento di separazioni, divorzi, seconde unioni e famiglie monoparentali può causare nei giovani grandi sofferenze e crisi d’identità”, sostiene il Papa: “Queste difficoltà incontrate nella famiglia di origine portano certamente molti giovani a chiedersi se vale la pena formare una nuova famiglia, essere fedeli, essere generosi. Voglio dirvi di sì, che vale la pena scommettere sulla famiglia e che in essa troverete gli stimoli migliori per maturare e le gioie più belle da condividere. Non lasciate che vi rubino la possibilità di amare sul serio. Non fatevi ingannare da coloro che propongono una vita di sregolatezza individualistica che finisce per portare all’isolamento e alla peggiore solitudine”. “Oggi regna una cultura del provvisorio che è un’illusione”, la denuncia di Francesco: “Credere che nulla può essere definitivo è un inganno e una menzogna”. Il matrimonio non è “fuori moda”, dice il Papa ai giovani chiedendo loro di “andare controcorrente”, ribellandosi alla “cultura del provvisorio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo