Paesi nordici: assemblea plenaria dei vescovi, si “guarda al futuro con speranza”. Nel 2020 il Congresso della famiglia

Si è conclusa oggi a Trondheim la riunione di primavera della Conferenza episcopale dei Paesi nordici (Norvegia, Danimarca, Svezia, Finlandia e Islanda). Si “guarda al futuro con speranza”, dice una nota diffusa dal segretario generale della Conferenza, suor Anna Mirijam Kaschner. Diverse le ragioni: innanzitutto, poiché “il numero di cattolici nei Paesi nordici continua a crescere”, in conseguenza dei movimenti migratori. Sono soprattutto i cattolici di altri riti ad arrivare al Nord e sono un “arricchimento” per la Chiesa. Per rispondere alle loro “necessità pastorali” i vescovi in plenaria si sono confrontati con il vescovo tedesco Dominic Meier che in Germania è responsabile per i fedeli delle Chiese orientali legati a Roma. Altro motivo di speranza è l’“evento di grande valore spirituale” che si è svolto nell’autunno 2018, con il pellegrinaggio delle reliquie di santa Teresa di Lisieux e dei suoi genitori nei Paesi nordici; hanno coinvolto anche “molti cristiani luterani”, come ha riferito il card. Anders Arborelius di Stoccolma. Nella nota i vescovi annunciano poi il terzo Congresso nordico della famiglia (Norvegia, 21-24 maggio 2020) che avrà come titolo “Amore in famiglia, forza per la Chiesa”.
“Questi incontri internazionali aiutano i nostri fedeli, spesso isolati come cattolici, a sperimentare e celebrare la comunione della Chiesa”, ha sottolineato il presidente della Conferenza episcopale, il vescovo danese Czeslaw Kozon. Altro elemento di speranza è il monastero mariano sull’isola di Tautra, “simbolo del fiorire della Chiesa cattolica nel nord Europa” e che i vescovi hanno visitato durante la plenaria: in 5 anni il numero delle monache presenti è raddoppiato passando da 7 a 14. Ora il monastero è troppo piccolo e si comincerà la costruzione di una nuova parte.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo