Giovani e lavoro: mons. Bressan (diocesi Milano), “per creare valore sociale l’impresa riparta dalla comunità”

(Milano) “Nel nostro lavoro quotidiano ci stiamo sempre più accorgendo di come per fare opere di caritative si debba sempre più assumere la logica dell’impresa sociale”. Mons. Luca Bressan, vicario episcopale per l’azione sociale dell’arcidiocesi di Milano, è partito dalla sua esperienza personale per intervenire al convegno “Generare valore sociale” organizzato questo pomeriggio dall’Università Cattolica di Milano per lanciare il nuovo pensatoio di cultura d’impresa promosso dall’Ateneo insieme a Prospera-Progetto Speranza. “Penso ad una realtà come la rivista Scarp de’ Tenis o al refettorio ambrosiano e alla logica d’impresa sociale che vi sta dietro”, ha proseguito Bressan che ha aggiunto: “L’impresa è una palestra dove persone con ruoli diversi lavorano insieme per un bene comune, per questo è importante far passare ai giovani l’idea di mettere la comunità alla base dei propri progetti perché se non c’è comunità non c’è impresa”. Insieme a mons. Bressan si sono confrontati alcuni imprenditori italiani che hanno sottolineato la necessità di tornare ad una visione imprenditoriale che rimetta al centro i territori, la restituzione del valore generato, la centralità dell’uomo. “Ogni imprenditore oggi come ieri – ha detto Matteo Marzotto, presidente Fondazione Fibrosi cistica – deve capire che le persone che ha davanti, i propri lavoratori, non sono mai un costo ma risorse e persone da valorizzare”. Un percorso, ha aggiunto, in cui diventa centrale “la restituzione del valore creato” ai territori “con la consapevolezza che questo, nel lungo periodo, porterà benefici all’imprenditore stesso”. Proprio al “radicamento territoriale” guarda Francesco Caio, presidente di Saipem spa, che ha ricordato l’insegnamento di industriali che hanno fatto la storia dell’Italia nel dopo guerra come Olivetti o Merloni. “Modelli a cui ispirarsi – ha concluso Marco Boglione, presidente BasicNet spa – riconoscendo però come l’Italia di oggi non sia quella di allora”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo