Dire: i titoli e il tg politico

(DIRE-SIR) – Ecco i titoli e il tg politico della Dire. Anche su www.dire.it e www.agensir.it.

Europa e Ocse, Italia sorvegliata speciale

Preoccupa la caduta nella crescita italiana. “Servono sforzi supplementari”, ha detto il presidente della commissione europea Jean Claude Juncker in visita a Palazzo Chigi. Si rincorrono le ipotesi di una manovra aggiuntiva, che il governo esclude. Dura anche l’analisi di Angel Gurria, segretario dell’Ocse, ospite a Palazzo Chigi dopo Juncker. Chiede la modifica di quota 100 e boccia il reddito di cittadinanza. Troppi soldi possono scoraggiare gli investimenti. Ma il premier Giuseppe Conte non cambia la linea del governo. “Si tratta di misure di equità sociale”, dice e per giovedì annuncia il decreto crescita.

Intesa unanime sul revenge porn, salta castrazione chimica

Un applauso dell’aula di Montecitorio ha accolto il voto all’unanimità per l’istituzione del reato di revenge porn. Sono stati 461 i sì, nessun voto contrario, nessun astenuto. Il Parlamento trova l’intesa dopo lo scontro di sei giorni fa quando l’emendamento presentato da Laura Boldrini era stato bocciato con 14 voti di scarto e il presidente Roberto Fico aveva dovuto sospendere i lavori, per l’occupazione dei banchi del governo da parte delle parlamentari di Forza Italia e Partito democratico. La Lega retrocede sulla castrazione chimica per chi compie violenze sessuali. L’emendamento è stato ritirato.

Tridico “placa” l’Ocse: quota 100 è sostenibile

Quota 100 è uno scivolo temporaneo e sostenibile, mentre il reddito di cittadinanza è una misura che mancava in Italia. Il presidente Inps Pasquale Tridico replica alle dichiarazioni di ieri del segretario generale dell’Ocse Angel Gurria, ribadendo: “Non è vero che l’importo del reddito sia troppo alto, semmai sono i salari in Italia ad essere troppo bassi”. L’Inps, promette il presidente, sarà forte coi forti e generoso coi deboli. Questo slogan accompagnerà il mio mandato.

La Biblioteca della Camera intitolata a Nilde Iotti

La Camera intitola la sua Biblioteca a Nilde Iotti, la prima presidente donna di Montecitorio a cui si deve l’apertura al pubblico delle sale di via del Seminario. Durante la cerimonia Roberto Fico ha sottolineato che la Biblioteca “è un polo di conoscenza per i cittadini”, “un esempio virtuoso di come il Parlamento possa promuovere un cambiamento nel modo di interpretare i rapporti tra Istituzioni e Paese”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo