Christus vivit: card. Marx (Dbk) e Andonie (Bdkj), “la Chiesa è giovane quando si lascia provocare dalle voci dei giovani”

“Ringraziamo Papa Francesco per la sua esortazione apostolica post-sinodale Christus vivit e tutti i giovani dalla Germania che sono stati coinvolti in questo processo sinodale in vari modi”. Lo scrivono il presidente della Conferenza episcopale tedesca (Dbk), card. Reinhard Marx, e Thomas Andonie, presidente della Federazione dei giovani cattolici (Bdkj), che aveva partecipato al Sinodo come uditore. “Ci ha fatto piacere che sia citato tre volte Romano Guardini, un grande maestro dei giovani tedeschi, per la cui beatificazione preghiamo”. “La lettera è un punto di riferimento per la pastorale giovanile e vocazionale del futuro”, si legge nella dichiarazione che ripercorre l’esortazione apostolica. “Papa Francesco desidera una nuova giovinezza della Chiesa, che è giovane quando si rinnova a partire dalle proprie fonti e quando apre spazi di ascolto lasciandosi stimolare, interrogare e provocare dalle voci (critiche) dei giovani”, scrivono ancora il card. Marx e Andonie. “Il documento preparatorio del Sinodo aveva invitato i pastori ad ascoltare le voci profetiche dei giovani per identificare le vie della Chiesa verso il futuro”, riflettono insieme. “Ora Papa Francesco chiude questo arco”. Riprendendo le ultime parole dell’esortazione apostolica, il cardinale e il giovane le rivolgono come augurio a tutti i giovani in Germania: “La Chiesa ha bisogno del vostro slancio, delle vostre intuizioni, della vostra fede. Ne abbiamo bisogno! E quando arriverete dove noi non siamo ancora giunti, abbiate la pazienza di aspettarci”. E concludono: “Questo frutto del Sinodo rimane per noi un mandato permanente, sul quale lavoreremo insieme”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo