Via Crucis: quinta stazione, “per tutti i cirenei della nostra storia” che accolgono “gli ultimi della terra”

“Per tutti i cirenei della nostra storia. Perché non venga mai meno in loro il desiderio di accoglierti sotto le sembianze degli ultimi della terra, coscienti che accogliendo gli ultimi della nostra società accogliamo te. Siano questi samaritani portavoce di chi non ha voce”. È l’invocazione con cui si conclude la quinta stazione, in cui suor Bonetti ricorda “l’esperienza di un gruppo di religiose di diverse nazionalità, provenienze e appartenenze con le quali, da oltre diciassette anni, ogni sabato visitiamo a Roma un centro per donne immigrate prive di documenti, donne spesso giovani, in attesa di conoscere il loro destino, in bilico fra espulsione e possibilità di rimanere”. “Quanta sofferenza incontriamo – la sua testimonianza – ma anche quanta gioia in queste donne nel trovarsi di fronte religiose provenienti dai loro Paesi, che parlano le loro lingue, che asciugano le loro lacrime, che condividono momenti di preghiera e di festa, che rendono meno duri i lunghi mesi trascorsi tra sbarre di ferro e asfalti di cemento!”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa