Pasqua: Caritas Catania, mense e Unità di strada operative anche nei giorni di festa

L’impegno dei volontari della Caritas diocesana prosegue anche nei giorni delle celebrazioni pasquali. La mensa dell’Help Center (Stazione Centrale) sarà aperta a pranzo per la Santa Pasqua, domenica 21 aprile, subito dopo la Santa Messa che si terrà alle ore 12, e per il lunedì di Pasqua, 22 aprile. Continuerà senza pause il servizio dell’Unità di strada che quotidianamente incontra e ascolta le persone senza fissa dimora della Città, portando cibo, vestiti e beni di prima necessità. Servizi operativi anche per la festa della Liberazione, il 25 aprile. Per tutti gli altri giorni, come per il resto dell’anno, le attività si svolgeranno regolarmente.
Nel corso dello scorso anno, le due mense della Caritas diocesana di Catania (“Help Center” della Stazione Centrale e “Beato Dusmet” di Librino) hanno preparato 215.400 pasti – una media di quasi 600 al giorno – per tutti i bisognosi che necessitano di cibo e ascolto. “Un servizio quotidiano, senza pause nel corso dell’anno, che è permesso dagli oltre 600 volontari e dalle generose donazioni di privati cittadini e di aziende. In questo periodo pasquale, momento per la riflessione e la preghiera, la Caritas diocesana intende ringraziare tutti i cittadini catanesi che non fanno mai mancare donazioni di cibo e vestiario – si legge in una nota -. Inoltre, si ringraziano i tanti panifici della città, le numerose attività commerciali presenti all’interno del centro commerciale Porte di Catania e diverse aziende siciliane. Determinante il ruolo di associazioni, enti, ordini e organizzazioni che collaborano con le mense nel corso di tutto l’anno”, le scuole, che hanno organizzato raccolte alimentari, e il corpo di polizia locale e le Forze dell’Ordine, che destinano alle mense della Caritas diocesana le merci sequestrate nel corso della loro attività di monitoraggio e controllo del territorio.
Oggi, nel corso della Messa del crisma nella cattedrale di Catania, sono state consegnate delle offerte personali da parte del clero catanese per la carità a favore della Caritas diocesana. “Pasqua – sottolinea il direttore della Caritas diocesana – significa ‘passaggio’: come Cristo è morto ed è stato risuscitato dai morti, così anche noi dobbiamo ‘passare’ dalla morte alla vita, cambiando modo di pensare e di vivere. Il Signore Risorto ci aiuti a fare la ‘nostra Pasqua’, riconoscendoLo in ogni volto umano, superando e vincendo l’indifferenza e il silenzio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori