Messa crismale: mons. Giuliano (Lucera-Troia), “il clericalismo insidia la pace interiore dei credenti e l’armonia delle comunità cristiane”

“Le ‘vesti’ delle nostre ordinazioni non sono dunque fatte per uno sfoggio vanesio di mondanità, né tanto meno sono un’investitura a ‘comandanti del nulla’. Indossare i paramenti liturgici non è motivo di vanagloria o di supremazia, ma è sempre occasione per rendere grazie della fede battesimale e del dono del ministero ricevuti, appunto, in dono”. Lo ha affermato il vescovo di Lucera-Troia, mons. Giuseppe Giuliano, nell’omelia pronunciata in occasione della messa crismale.
Dopo essersi soffermato sul battesimo, che è “la base di partenza e il pegno della meta comune del cammino cristiano, è come la radice unica da cui partire nella concretizzazione vocazionale della fede verso l’unica metà di eternità”, mons. Giuliano ha sottolineato che “a servizio della fede vanno compresi il ministero dei presbiteri e ogni altro ministero nella Chiesa”. “Quando si dimentica questa realtà – ha ammonito – ci si rende protagonisti, anche nelle nostre comunità, di gare crudeli e ridicole che non risparmiano i colpi bassi della competizione e della rivalità ecclesiastica da parte degli stessi ministri ed anche dei laici che più da vicino collaborano con loro”. “Il fenomeno dirompente del clericalismo, più volte denunciato dal Papa quale malefica perversione di questa stagione ecclesiale, insidia la pace interiore dei credenti e l’armonia articolata delle comunità cristiane ed impedisce una feconda testimonianza evangelica”, ha proseguito il vescovo, sottolineando che “il servizio ecclesiale dovrebbe qualificarsi per la sua generosità e per la sua gratuità. Purtroppo, e non di rado, si devono subire le pretese inconsistenti non solo dei presbiteri ma anche di operatori pastorali e di cristiani ‘impegnati’”.
Il vescovo ha poi invitato tutti a “rivestirsi di Cristo”: un’esortazione valida sia “per gli sposi, nella quotidianità della vita coniugale e familiare”, sia “nella quotidianità del ministero sacerdotale a servizio del popolo di Dio”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Territori