Diocesi: Nola, nella domenica di Pasqua il territorio si arricchisce di un quinto santuario mariano

Vaticano, 9 aprile 2017: Papa Francesco con l'immagine della Madonna della Speranza di Marigliano prestentata dal rettore del nuovo santuario, padre Giuseppe Sorrentino ofm

Nella domenica di Pasqua la diocesi di Nola si arricchisce di un quinto santuario mariano. Alle 19, il vescovo Francesco Marino darà lettura del decreto di erezione del santuario della Madonna della Speranza che va ad aggiungersi a quello della Madonna dell’Arco a Sant’Anastasia, della Madonna della Neve a Torre Annunziata, di Santa Maria a Parete a Liveri e di Maria Ss. Consolatrice del Carpinello a Visciano. “Ho potuto constatare che da anni il convento di san Vito è meta di pellegrinaggio da parte di un notevole flusso di fedeli, devoti alla Madonna della Speranza e a san Vito – spiega mons. Marino –. Grazie all’azione pastorale dei frati, ben inserita nel cammino della Chiesa diocesana e della vita delle parrocchie del quinto decanato, in particolare di quella di San Sebastiano in Miuli, da cui dipende, il convento di san Vito è sempre più divenuto luogo di incontro con la misericordia di Dio. Un luogo dove poter continuare il proprio cammino di credenti rafforzati nella fede ma anche dove poter scoprire il volto paterno di Dio”. La lettura del decreto sarà preceduta dal saluto del sindaco di Marigliano, Antonio Carpino, e del ministro provinciale dei Frati minori di Napoli, Carlo M. D’Amodio. Seguirà la concelebrazione eucaristica presieduta dal vescovo Marino. La nascita del nuovo santuario diocesano cade nel secondo centenario dell’arrivo a Marigliano della miracolosa immagine della Madonna cui è intitolato. Per questo la Penitenzieria apostolica ha concesso l’indulgenza plenaria dal 21 aprile 2019 al 19 aprile 2020.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa