Xylella: mons. Seccia (Lecce), “è morte per i nostri ulivi, speranza di rinascita”

“La xylella è morte per i nostri ulivi, auguro speranza”. Lo ha detto l’arcivescovo di Lecce, mons. Michele Seccia, che ha celebrato ieri la messa della Domenica delle Palme e la benedizione delle palme e dei ramoscelli d’ulivo sul sagrato della chiesa di Santa Chiara, unica in Europa per il soffitto in cartapesta. Dal presule un riferimento, durante il breve pensiero a commento del Vangelo, sull’emergenza ambiente e sul dramma della xylella. “Unisco la mia speranza – ha affermato mons. Seccia – alla voglia di rinascita di tutti gli agricoltori del Salento, colpiti a morte da un morbo terribile e penso alle generazioni future che potrebbero trovare da qui a non molto un territorio più povero di bellezza e di ricchezze naturali, fonte di sostentamento per millenni”. Dopo la breve omelia si è svolta la benedizione dei ramoscelli di ulivo seguita dalla processione fino a piazza Duomo dove, al termine della quale, ha avuto inizio la celebrazione della Passione del Signore.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa