Settimana Santa: Perugia, le celebrazioni presiedute dal card. Bassetti

Con la Domenica delle Palme, domani, 14 aprile, i cristiani entrano nella Settimana Santa, cuore dell’Anno liturgico. A Perugia, come è tradizione, l’arcivescovo, il card. Gualtiero Bassetti, presiederà i riti della Passione, Morte e Risurrezione del Signore nella cattedrale di San Lorenzo. Domani, alle 11, il porporato guiderà la processione delle palme preceduta dalla preghiera con benedizione dei ramoscelli d’ulivo davanti all’arcivescovado per poi entrare in San Lorenzo e celebrare la Messa della passione del Signore. Mercoledì Santo, alle 17, il cardinale presiederà la Messa crismale. Giovedì Santo, alle 18, il cardinale presiederà la Messa in Coena Domini, che ricorda l’istituzione dell’Eucaristia, compiendo il rito della Lavanda dei piedi a una rappresentanza di giovani e di lavoratori richiamando l’attenzione della comunità su queste due categorie di persone. In serata, alle 21.30, l’Adorazione eucaristica all’altare della Reposizione con la preghiera animata dai seminaristi. Venerdì Santo, il cardinale invita i fedeli a raccogliersi in preghiera e a celebrare con particolare raccoglimento la Passione e Morte del Signore con il digiuno e la penitenza. Alle 18 celebrerà la liturgia della Passione con l’Adorazione della Croce. Seguirà, alle 21, la Via Crucis nel centro storico. Sabato Santo, in cattedrale la celebrazione della Veglia pasquale inizierà alle 22 con il rito della benedizione del fuoco e dell’accensione del cero pasquale da parte del cardinale. Durante la liturgia riceveranno i sacramenti dell’iniziazione cristiana alcuni giovani adulti che hanno fatto un percorso di fede, il Catecumenato, nelle loro comunità parrocchiali. Nella Domenica di Pasqua, alle 11.30, il cardinale presiederà la Messa della Risurrezione del Signore. Alle 18, il cardinale si recherà a Città della Pieve dove nella concattedrale celebrerà la messa di Pasqua e visiterà i “Quadri viventi” della Passione, Morte e Resurrezione di Cristo interpretati da quaranta figuranti, con scene incentrate su: l’Ultima Cena, l’Orto del Getsemani, l’Ecce Homo, la Flagellazione, la Pietà sul Cristo Morto, la Resurrezione.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa