Diocesi: Anagni, un nuovo centro di spiritualità nel convento di San Lorenzo a Piglio sulle orme di Francesco e padre Kolbe

Il convento francescano di San Lorenzo a Piglio (Fr) diventerà un centro di spiritualità e sede di manifestazioni religiose e culturali: la notizia è stata comunicata al custode del convento, padre Angelo Di Giorgio, dal ministro della nuova Provincia italiana San Francesco d’Assisi, padre Franco Buonamano. “Dieci anni fa, il Capitolo dei francescani che si era tenuto a Piglio aveva deciso di chiudere il convento per mancanza di vocazioni – spiega al Sir Giorgio Pacetti, esperto di storia locale –. La notizia provocò grande mobilitazione del popolo pigliese, unito da un antico e profondo legame devozionale al convento e alla chiesa di San Lorenzo. Il luogo è un’oasi di pace, spiritualità, invito al raccoglimento: è un patrimonio di sacre memorie da conservare e tutelare”. Annoverato tra i conventi storici dei frati minori conventuali nel centro Italia, quello del Piglio secondo la tradizione è stato fondato da san Francesco, che era di passaggio nella zona su un terreno messo a sua disposizione dalla famiglia dei conti di Segni. Lì ha vissuto ed è sepolto il beato Andrea Conti, zio di Bonifacio VIII. San Massimiliano Kolbe, nel 1937, ha vissuto un’esperienza di ritiro nel convento insieme al venerabile p. Quirico Pignalberi, per molti anni maestro del noviziato della provincia francescana, che al Piglio aveva sede. Esteso su una superficie di 15 ettari, il complesso di San Lorenzo comprende boschi e terreno agricolo. Il convento è stato ristrutturato di recente per accogliere pellegrini ed esperienze di spiritualità.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa