Elezioni europee: vescovi Calabria, “trovino spazio forme di lotta alle povertà ed alla disuguaglianza”

I vescovi calabresi hanno svolto “un’attività di approfondimento sulla questione dello spopolamento dei borghi calabresi, con la formulazione di proposte atte ad arginare il fenomeno, consistenti ad esempio in interventi di salvaguardia dell’identità culturale ed in soluzioni infrastrutturali idonee a spezzare l’isolamento che imprigiona ampi territori, specie montani”. È quanto riportato in una nota al termine della Conferenza episcopale calabra. “Con l’occhio rivolto alle prossime elezioni per il rinnovo dell’Europarlamento”, i vescovi hanno auspicato “una partecipazione consapevole e responsabile al voto, inserita nell’orizzonte di un percorso di costruzione di un’Europa a dimensione sociale, e non solo economica e finanziaria, in cui trovino spazio forme di lotta alle povertà ed alla disuguaglianza, una incisiva riforma del sistema finanziario e politiche nuove sull’accoglienza ed in fatto di rispetto dei diritti umani”. Durante l’incontro, don Raffaele Grimaldi, ispettore generale per l’Italia dei cappellani delle carceri, “ha rilanciato l’attenzione sul valore della vicinanza della Chiesa al mondo delle carceri, auspicando una pastorale di prossimità per gli stessi carcerati ed un accompagnamento per gli ex-carcerati”. In conclusione, i pastori delle Chiese di Calabria “hanno convenuto di formulare i propri auguri di una santa Pasqua a tutti i calabresi, auspicando possa essere quella che arriva una festa di liberazione dalle catene della miseria, dell’odio e della disperazione del peccato, utile a favorire lo schiudersi di rapporti nuovi per una primavera dello spirito in grado di pervadere di sé tutti e ciascuno e la Calabria intera, che da tempo attende di poter incamminarsi sui sentieri della libertà e della serenità”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo