Otto marzo: Cattai (Focsiv), “dedichiamo un pensiero a tutte le volontarie, a partire da Silvia Romano di cui non si hanno più notizie”

“Non possiamo per la Giornata internazionale delle donne non volgere il nostro pensiero a Silvia Romano, una volontaria partita per il Kenya per una scelta profonda di vita: offrire il proprio servizio verso gli altri e della quale, da più di 100 giorni, non si hanno più notizie, inghiottita dal silenzio e, si spera, dalle trattative. Una ragazza come le tante volontarie che, in questi 47 anni dalla fondazione Focsiv, hanno deciso di fare un’esperienza di volontariato impegnandosi nei progetti di sviluppo umano delle 86 Ong socie delle Federazione”: lo dichiara Gianfranco Cattai, presidente della Focsiv, in occasione della festa della donna. Allo stesso tempo, aggiunge, “rivolgiamo il pensiero alle donne della Casa delle Donne di Qaraqosh, voluta dalle cittadine di questa piccola città della Piana di Ninive e resa possibile dai volontari Focsiv presenti in Kurdistan e in Iraq. Senza dimenticare le tante altre donne che, grazie ai progetti di sviluppo dei nostri soci, hanno l’opportunità di poter studiare, di migliorare la vita dei componenti della propria famiglia, di mandare i propri figli a scuola, di rafforzare le comunità, di salvaguardare i territori e di diventare autonome avendo proprie economie e capacità di decisione”. Cattai, ricordando un proverbio africano che recita “L’Africa cammina sulle gambe delle donne”, sottolinea: “Forse anche il resto del mondo dovrebbe prendere coscienza di questa verità, che può valere per ogni parte del Pianeta”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo