Brasile: lanciata la Campagna di Fraternità per la Quaresima. Card. Da Rocha, “promuovere maggiore partecipazione alla politica”

La Campagna di Fraternità “si svolge durante la Quaresima perché vuole essere un segno e uno strumento dell’esperienza quaresimale”. Infatti, “sappiamo che una delle principali esigenze della spiritualità quaresimale è proprio la fraternità, l’amore fraterno, con i suoi vari livelli e richieste”. Lo ha detto ieri il card. Sergio da Rocha, arcivescovo di Brasilia e presidente della Conferenza nazionale dei vescovi del Brasile (Cnbb), aprendo la Campagna di Fraternità, l’annuale iniziativa quaresimale della Chiesa brasiliana che quest’anno è intitolata “Fraternità e politiche pubbliche”, ed è guidata dal versetto biblico “Sarai liberato dal diritto e dalla giustizia” (Isaia 1, 27). L’obiettivo della Cnbb è quello di stimolare e rafforzare la partecipazione dei cittadini alle politiche pubbliche, alla luce della Parola di Dio e della Dottrina sociale, avendo come sfondo il bene comune. Si tratta, ha affermato il card. da Rocha, di “contribuire alla conoscenza dell’importanza del tema e promuovere una maggiore partecipazione all’elaborazione delle politiche pubbliche nei vari ambiti della vita sociale, come salute, istruzione, sicurezza pubblica, ambiente” e al tempo stesso di “risvegliare l’interesse per la politica pubblica”.
La presentazione ufficiale della campagna, a Brasilia, è avvenuta alla presenza di numerose autorità civili e giudiziarie, oltre che dei rappresentanti di vari organismi ecclesiali. Il testo di base della campagna, distribuito ieri, descrive, tra gli altri argomenti, il percorso e le tappe di una politica attenta al bene comune, distingue tra politiche governative e politiche statali, presenta alcune possibilità di partecipazione sociale, come i consigli previsti dalla Costituzione federale del 1988.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo