Violenza sulle donne: Bachelet (Onu), “continua a dilagare, in Ue una donna su 5 vittima del partner o dell’ex”

“In molte parti del mondo, le donne vengono attaccate, sfruttate, messe a tacere e derubate della loro dignità e dei loro diritti. La violenza sessuale continua a dilagare in situazioni di conflitto, con molte vittime prese di mira in base alla loro appartenenza etnica, religiosa, politica o di clan”. Lo ha affermato Michelle Bachelet, Alto Commissario delle Nazioni Unite per i diritti umani, presentando alla 40ª sessione del Consiglio dei diritti umani dell’Onu a Ginevra la relazione sul lavoro svolto nel 2018.
“Anche le donne e le ragazze migranti – ha sottolineato Bachelet – sono ad alto rischio di violenza di genere”. “Dei 25 Paesi con i più alti tassi di femminicidio nel mondo, 14 sono in America Latina e nei Caraibi, mentre una donna su cinque nell’Unione europea ha subito violenze fisiche o sessuali da parte dell’attuale partner o dell’ex”.
L’Alto Commissario ha comunque sottolineato come nel mondo “continuiamo a fare progressi rispetto alla leadership femminile e all’uguaglianza delle donne”. Una donna è stata eletta presidente dell’Etiopia così come “l’anno scorso, una donna è stata eletta sindaco della capitale della Tunisia – in una regione in cui le donne hanno i più bassi livelli di rappresentanza politica nel mondo. Un numero record di donne è stato eletto recentemente al Congresso degli Stati Uniti e ha segnato importanti passi per la diversità con la prima donna congressista musulmana americana, la prima congressista nativa americana e la donna più giovane mai eletta al Congresso. Saluto tutte le donne di potere in tutto il mondo e il modello che presentano per la prossima generazione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo