Televisione: Baggio (Aiart), “lo spettacolo ieri sera di Camilleri su Rai 1 antidoto all’intrattenimento facile e al trash”

“Finalmente un serio antidoto alla tv che non fa pensare. Finalmente uno spettacolo degno del servizio pubblico e che avvince il telespettatore”. È quanto afferma l’Aiart, l’associazione spettatori d’ispirazione cattolica, a proposito di “Conversazione su Tiresia”, lo spettacolo con Andrea Camilleri andato in onda in prima serata ieri sera su Rai 1, senza “interruzioni pubblicitarie”. “Nella sua Conversazione Camilleri, o lo stesso Tiresia?, dialoga con Omero, Sofocle, Seneca, Dante, Apollinaire, Borges, Pound, Pavese, Primo Levi…Tra cultura, storia, filosofia e realtà la storia di Tiresia, l’indovino cieco della mitologia greca, attraversa i secoli e si intreccia con quella dello scrittore Camilleri”.
“È la testimonianza – dichiara Giovanni Baggio, presidente nazionale Aiart – che la cultura può essere un prodotto di punta della nostra tv ed è la dimostrazione che un contenuto capace di mettere insieme cultura, informazione e spettacolo può essere istruttivo, educativo senza essere noioso. Perché è questo il fraintendimento”.
“Uno spettacolo di qualità – precisa Baggio – è anche un antidoto all’intrattenimento facile, al trash, ai reality e ai talent che popolano la tv italiana. Una scelta giusta, premiata dai telespettatori che, ricordiamo, dovrebbero essere l’unico editore della Rai e che chiedono semplicemente una tv rispettosa della loro dignità e identità. Camilleri ha infatti offerto possibilità di stimolo al ragionamento ‘da quando non vedo più vedo meglio’ rivolgendosi a tutti e indirizzando in senso positivo il pensiero”.
Lo spettacolo prodotto da Palomar, conclude l’associazione spettatori d’ispirazione cattolica, “dimostra che il ruolo del produttore non è soltanto quello di produrre, fare industria e profitti ma capire che l’identità, il messaggio culturale e sociale del Paese passa anche attraverso il loro lavoro”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo