Reddito di cittadinanza: Acli, “tempi stretti, politiche attive a rischio”

“Mancano poche ore all’inizio dell’iter per richiedere il reddito di cittadinanza e i Caf Acli sono pronti e disponibili ad accogliere tutti i cittadini che si presenteranno per fare domanda del nuovo sussidio. Rimangono molti dubbi però sui tempi di attuazione delle politiche attive, sia quelle legate al percorso di reinserimento nel mondo del lavoro sia quelle legate al cosiddetto patto di inclusione sociale”. Lo dichiarano in una nota le Acli, secondo cui “c’è il concreto rischio che all’erogazione dell’assegno da parte dell’Inps, che dovrebbe avvenire tra la seconda metà del mese di aprile e l’inizio del mese di maggio, non corrisponda alcun tipo di attività vista anche l’impasse tra Stato e Regioni sui navigator”. L’auspicio è che “il Governo, insieme al Parlamento e con l’ausilio di tutti i soggetti chiamati in causa, Regioni, comuni e associazioni di riferimento, possano giungere nel più breve tempo possibile a un accordo che permetta di programmare tutti gli interventi necessari”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo