Quaresima: Caritas e altre organizzazioni Alto Adige, al via l’azione “Io Rinuncio” 2019

“Partecipa!”: è questo l’appello che 66 organizzazioni e istituzioni pubbliche e private dell’Alto Adige rivolgeranno alla popolazione altoatesina nell’ambito dell’iniziativa “Io rinuncio” 2019. Per rendere partecipe il maggior numero di persone possibili è stato elaborato un manifesto a forma di calendario, che invita ad aprire ogni giorno una finestrella, dietro le quali si nascondono molteplici suggerimenti di rinunce da mettere in atto. Oltre al calendario le organizzazioni partecipanti all’azione “Io Rinuncio” proporranno alla popolazione una serie di iniziative e attività con l’obiettivo comune di mettere in discussione abitudini e comportamenti quotidiani per, eventualmente, cercare di modificarli.
“Durante la Quaresima molte persone rinunciano volontariamente a dolci o alcool, altre cercano di tornare in salute seguendo un digiuno, altre ancora cercano di fermarsi e rallentare i ritmi per ritrovare il proprio equilibrio. Anche se queste azioni sono diverse tra loro o seguono modalità differenti, in comune hanno tutte la stessa cosa: mettersi in discussione, rinunciare a comportamenti abitudinari e creare, di conseguenza, spazio per una forma di vita più consapevole. Questo rende più forte la nostra personalità, aiuta la salute e consolida le relazioni. I 40 giorni della Quaresima offrono un contesto ideale per provare a fare ciò”, dice Peter Koler del Forum Prevenzione che, in collaborazione con la Caritas, Katholischer Familienverband, Intendenza scolastica tedesca e ladina e Arbeitsgemeinschaft der Jugenddienste ha dato vita a questa azione 14 anni fa. L’azione “Io Rinuncio” 2019 partirà oggi, Mercoledì delle Ceneri, e terminerà il Sabato santo (20 aprile). Per ciascun giorno dell’azione, sul manifesto volutamente realizzato a forma di calendario, si trova una proposta di rinuncia.
L’azione “Io rinuncio” è accompagnata da numerose iniziative di diverse organizzazioni, per coinvolgere la popolazione in prima persona e riflettere, insieme, sul tema. Ad esempio, durante la Quaresima, sarà possibile grazie alla Caritas partecipare al progetto “Regalare tempo”. La youngCaritas e il servizio Caritas&comunità metteranno a disposizione degli interessati possibilità molto concrete per mettere il proprio tempo al servizio degli altri, come distribuire pasti caldi presso le mense della Caritas a Bolzano e Bressanone, partecipare a pomeriggi di laboratori insieme alle persone ospitate nelle diverse strutture della Caritas o a tornei di carte presso il CaritasCafé. Il Katholische Familienverband Südtirol, invece, ha lanciato un progetto “colorato” insieme alle seconde classi della scuola media delle Orsoline di Brunico: un calendario da tavola per la Quaresima, che non si ferma al concetto di rinuncia, ma propone di fare qualcosa di buono per gli altri in prima persona, offrendo spunti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo