Venezuela: Guaidó annuncia il suo rientro e convoca due giornate di mobilitazione per oggi e domani. A San Cristóbal processione “di fede e speranza”

Si annuncia un’altra settimana “calda” in Venezuela. Il presidente autoproclamato Juan Guaidó, dopo una decina di giorni trascorsi fuori dal Paese, durante i quali ha partecipato al Vertice del Gruppo di Lima ed è stato a Brasilia e Buenos Aires, ha annunciato il suo rientro in Venezuela e in questa occasione ha convocato per oggi e domani due giorni di mobilitazione nazionale. Si teme che al suo rientro Guaidó possa essere arrestato e le manifestazioni hanno, tra l’altro, l’obiettivo di rendere più difficile tale eventualità.

Intanto, nel fine settimana, la Chiesa ha proseguito nel suo cammino accanto alla popolazione. In particolare, a San Cristóbal, la diocesi che si trova al confine con la Colombia, il vescovo, mons. Mario Moronta, ha guidato venerdì scorso una processione “di fede e speranza per la vita” lungo le strade della città. Obiettivo della processione era quello di incentivare la preghiera per la pace, la giustizia, la libertà e la riconciliazione in Venezuela, con lo slogan “Cristo cammina con il suo popolo e il popolo cammina con il suo Redentore e Salvatore”.
Ha detto mons. Moronta nella sua intenzione di preghiera: “Il tuo popolo chiede giustizia, perché si riconosca la sua dignità, così calpestata dalle burle e lo scherno di chi si considera superiore a tutti gli altri. Giustizia per poter vivere nella pace, che nasce dalla tua morte e risurrezione. Qui c’è il grido straziante dei malati, di tutte le età e condizioni, che non trovano le medicine per curare la loro salute”.
Il vescovo ha anche ricordato le tristi realtà del narcotraffico, del contrabbando e della corruzione e ha ricordato che “il compito urgente è la riconciliazione. Non è mancato un riferimento al mancato arrivo degli aiuti umanitari”. Tuttavia, ha sottolineato che “i veri e propri aiuti umanitari, che non possono essere frenati o incendiati o bloccati da qualcuno, sono i nostri”, in particolare “il nostro amore, la nostra solidarietà, quello che facciamo gli uni per gli altri”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo