Papa Francesco: a un Gruppo Cal, “la politica non è mera arte di amministrare il potere, ma una vocazione di servizio”

(Foto Vatican Media/SIR)

“Essere un cattolico impegnato in politica non significa essere una recluta di alcun gruppo, organizzazione o partito, ma di vivere dentro un’amicizia, dentro una comunità, che si trasforma nel mondo come la Chiesa si avvicina alla tua vita”. Lo ha detto, stamattina, Papa Francesco, ricevendo in udienza, nella Sala del Concistoro del Palazzo apostolico vaticano, un Gruppo della Pontificia Commissione per l’America Latina, a conclusione del seminario intensivo di formazione tenutosi in Vaticano, dal 24 febbraio al 4 marzo 2019, sul tema “Dottrina Sociale della Chiesa e impegno politico in America Latina – Per una nuova generazione di cattolici latinoamericani in politica”. Il seminario, promosso per la formazione di 26 giovani leader cattolici provenienti da culture e professioni diverse, è parte di un programma Post Diploma in Dottrina Sociale della Chiesa, organizzato dalla Pontificia Commissione per l’America latina (Cal) e dall’Accademia Latinoamericana di leader cattolici, in collaborazione con il Celam e con la Fondazione Konrad Adenauer.
“Se tu, formandoti nella Dottrina sociale della Chiesa, non scopri la necessità nel tuo cuore di appartenere a una comunità di discepolato missionario veramente ecclesiale, nella quale puoi vivere l’esperienza di essere amato da Dio, puoi correre il rischio di lanciarti” nelle “sfide del potere, delle strategie, dell’azione efinire, nel migliore dei casi, con un buon posto politico, ma solo, triste e manipolato”, ha avvertito il Pontefice. Ricordando che “Gesù ci invita a essere suoi amici”, il Santo Padre ha evidenziato che “se ci apriamo a questa opportunità”, “potremo guardare la realtà in modo nuovo, potremo vivere con rinnovata passione le sfide nella costruzione del bene comune. Non dimentichiamo che entrare in politica significa scommettere sull’amicizia sociale”.
In America Latina, ha ricordato Francesco, “abbiamo un santo che sa bene queste cose. Un santo che ha saputo vivere la fede come amicizia e impegno con il suo popolo fino a dare la vita per esso”: san Óscar Arnulfo Romero, che invitava i fedeli laici a essere liberi e non schiavi, affinché trovassero le ragioni per le quali vale la pena fare politica a partire dal vangelo, superando le ideologie. “La politica – ha osservato il Papa – non è mera arte di amministrare il potere, le risorse o le crisi. La politica non è mera ricerca di efficacia, strategia e azione organizzata. La politica è una vocazione di servizio, è una diaconia laicale che promuove l’amicizia sociale per la generazione del bene comune”. Solo concependo così la politica, “questa collabora affinché il popolo torni protagonista della sua storia ed evita che le cosiddette ‘classi dirigenti’ credano che sono loro quelle che possono risolvere tutto”. Fare politica, ha ammonito il Pontefice, “non può ridursi a tecniche e risorse umane e capacità di dialogo e persuasione; non serve solo questo. Il politico sta in mezzo al suo popolo” e collabora con gli altri affinché “il popolo, che è sovrano, sia il protagonista della sua storia”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo