Warning: Redis::connect(): connect() failed: Connection refused in /var/www/html/wordpress/wp-content/plugins/wp-redis/object-cache.php on line 1105
Migranti e salute: Letta (Arel), "alzare ponti e non muri su un fenomeno per la prima volta al centro dell'agenda europea" | AgenSIR

Migranti e salute: Letta (Arel), “alzare ponti e non muri su un fenomeno per la prima volta al centro dell’agenda europea”

Si apre questa mattina alla Pontificia Università Lateranense di Roma il convegno “Guarire i migranti per guarire il mondo. Scenari emergenti per la costruzione della pace” promosso dal Global Forum su salute e migrazioni, in collaborazione con ministero della Salute, Arel (Agenzia di ricerche e legislazione), Università Cattolica, Pontificia Università Lateranense e diverse istituzioni sudamericane. L’introduzione è affidata all’ex presidente del Consiglio e segretario generale di Arel Enrico Letta, che chiarisce subito la necessaria “distinzione culturale e giuridica tra politiche migratorie, obbligo per un Paese di salvare chi sta per morire in mare, diritto peculiare di accoglienza per i rifugiati, che può essere limitato solo dall’effettiva capacità fisica di accogliere”. “La crisi del fenomeno migratorio in Europa dalle Primavere arabe in poi – prosegue Letta – è legata al fatto che gli Stati membri hanno mantenuto prerogative nazionali per la gestione del fenomeno”. Rispetto alla percezione, Letta evidenzia quanto in Italia sia discrepante con la realtà: “La popolazione è composta per il 7/8% da migranti, in altri Paesi europei è il 10%. Eppure da noi la percezione è del 20%. Il 2,5% della popolazione è islamica, la percezione è del 18%”. “Le prossime elezioni europee – aggiunge Letta – sono le prime in cui in agenda emerge il problema migratorio, tra le sfide della modernità, che ci chiede di alzare ponti e non muri rispetto a inclusione sociale, cambiamenti climatici, rivoluzione tecnologica, impatto culturale”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo