Giovani e lavoro: incontro Ac, Mlac, Gioc. Ragazzi a confronto con Suore operaie e Progetto Policoro

In apertura della seconda giornata del modulo “Fondata sul lavoro”, promosso da Giovani di Ac, Mlac e Gioc, i giovani da tutta Italia hanno incontrato ieri alcune esperienze di impegno nel lavoro. “Evangelizzare il mondo del lavoro significa condividerlo”: è la testimonianza delle suore operaie della Santa Casa di Nazaret. “Cerchiamo lavoro come tutti e, una volta assunte, lo condividiamo con i colleghi – proseguono –. Dobbiamo sempre tenere aperta la domanda sulla via migliore da percorrere. Come portare Dio nei luoghi di lavoro? Lasciandoci evangelizzare da chi abbiamo intorno”. Angela Fruci, animatrice di comunità del Progetto Policoro, ha raccontato l’esperienza come ceramista: “Mi sono sempre sentita ‘una lavoratrice’. Incontrando la Gioc ho scoperto la formazione come occasione di crescita. Il progetto Policoro mi ha dato gambe e forza per entrare in una rete che mi permette di evangelizzare con il lavoro, anche attraverso giustizia e legalità”. Francesco, adulto della Gioc, lavora come corriere per una grande azienda a Torino. “Ascoltare la vita dei colleghi ed essere punto di riferimento, cercando insieme soluzioni, significa per me vivere la fede nel lavoro – ha spiegato –. Lavoro con persone di altre fedi e con loro vivo un dialogo alla pari”. Ha concluso Angelo Congedo del Mlac, secondo cui “il lavoro parte dal desiderio e dalla consapevolezza di essere ‘convocati’ da una realtà che ci pone domande. Responsabilità è intraprendere il proprio inedito cammino, condividendolo anche all’interno di un gruppo”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo