Papa in Marocco: incontro clero, “fratellanza lacerata dalle politiche di integralismo e divisione e dai sistemi di guadagno smodato e dalle tendenze ideologiche odiose”

“Che bello è sapere che, in diversi angoli di questa terra, nelle vostre voci il creato può implorare e continuare a dire: Padre nostro!”. Lo ha esclamato il Papa, che durante l’incontro con il clero, nella cattedrale di Rabat, ha citato la testimonianza raccolta da “un sacerdote che si trovava come voi in una terra dove i cristiani sono minoranza”. “Mi raccontava che la preghiera del Padre nostro aveva acquistato in lui un’eco speciale perché, pregando in mezzo a persone di altre religioni, sentiva con forza le parole ‘dacci oggi il nostro pane quotidiano'”, il racconto di Francesco: “La preghiera di intercessione del missionario anche per quel popolo, che in una certa misura gli era stato affidato, non da amministrare ma da amare, lo portava a pregare questa preghiera con un tono e un gusto speciali. Il consacrato, il sacerdote porta al suo altare, nella sua preghiera la vita dei suoi conterranei e mantiene viva, come attraverso una piccola breccia in quella terra, la forza vivificante dello Spirito”. “È un dialogo che, pertanto, diventa preghiera e che possiamo realizzare concretamente tutti i giorni in nome della fratellanza umana che abbraccia tutti gli uomini, li unisce e li rende uguali”, l’invito del Papa: “In nome di questa fratellanza lacerata dalle politiche di integralismo e divisione e dai sistemi di guadagno smodato e dalle tendenze ideologiche odiose, che manipolano le azioni e i destini degli uomini”, la citazione del documento di Abu Dhabi. “Una preghiera che non distingue, non separa e non emargina, ma che si fa eco della vita del prossimo; preghiera di intercessione che è capace di dire al Padre: ‘Venga il tuo regno'”, ha spiegato ancora Francesco a proposito della preghiera per eccellenza del cristiano: “Non con la violenza, non con l’odio, né con la supremazia etnica, religiosa, economica, ma con la forza della compassione riversata sulla Croce per tutti gli uomini. Questa è l’esperienza vissuta dalla maggior parte di voi”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Chiesa