Tav: l’Europa finanzierà il 50% della Torino-Lione. Decisione che riguarda tutte le opere per l’ambiente e le digitalizzazione

Cambia ancora una volta il panorama della linea ferroviaria Tav Torino-Lione. Dopo qualche giorno di incertezza, infatti, è arrivata la conferma della intenzione da parte dell’Unione europea di aumentare il cofinanziamento dedicato all’opera fino al 50% del costo totale.
La conferma è arrivata tramite l’assessore ai Trasporti della Regione Piemonte, Francesco Balocco, che a Mantova ha partecipato ad un incontro con la coordinatrice europea del Corridoio Mediterraneo, Iveta Radicova. “Lunedì scorso – ha detto Balocco – è stato deciso dall’Unione europea che i finanziamenti relativi alla prossima programmazione per il corridoio mediterraneo nell’ambito dei progetti per l’interoperabilità, la decarbonizzazione e la digitalizzazione saranno pari al 50%. Notizia importante che vale anche per la Torino-Lione che conferma quanto anticipato nei mesi scorsi”.
Intanto, continua a Torino il cammino di avvicinamento alla manifestazione del 6 aprile prossimo indetta dalle ormai 40 sigle del sistema dell’economia e del lavoro locali insieme alle “madamine” (il gruppo di donne manager che hanno già organizzato le due manifestazioni di novembre e gennaio scorsi). Si sta pensando ad un corteo che attraverserà il centro storico della città e nel quale saranno rappresentanti (anche visivamente) tutte le varie componenti della società civile che chiede la realizzazione dell’opera. “La manifestazione – si legge in una nota –, sarà aperta a tutte le bandiere che si indentificheranno in questi obiettivi e in particolare nella realizzazione della Torino-Lione”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa