Politica: Milano, convegno “Europa casa comune da costruire insieme”, promosso da sigle cattoliche, Ordine giornalisti e Parlamento Ue

“Come è percepito e comunicato il grande disegno della casa comune voluto dai padri fondatori della Cee? Quali sono i punti di forza e di debolezza dell’Unione europea con cui oggi abbiamo a che fare? Che scenari si aprono, quali criticità vanno risolte, in quali prospettive lavorare affinché la costruzione europea possa rispondere alle sfide del mondo globalizzato?”. Temi posti all’ordine del giorno al convegno promosso da Ucsi Lombardia, Fondazione culturale San Fedele, “Aggiornamenti sociali”, Fondazione Giuseppe Lazzati, Azione cattolica ambrosiana, Acli milanesi, in collaborazione con l’Ufficio d’informazione del Parlamento europeo di Milano, in programma sabato 30 marzo presso il Centro culturale San Fedele, in piazza San Fedele 4 a Milano, dalle ore 9.30 alle 13, dal titolo “Europa: una ‘casa comune’ da costruire insieme”. Il convegno prende spunto dalla pubblicazione del volume “Europa”, di Gianni Borsa e Isacco Pagani (edizioni In dialogo).
La tavola rotonda, moderata da Diego Motta (“Avvenire”), prevede gli interventi dei presidenti delle associazioni promotrici, e poi cinque relazioni: Piero Graglia (Università degli studi di Milano), “Il peso dell’Ue internazionale”; Luca Jahier (presidente Comitato economico e sociale europeo), “Ricchezza e povertà: le azioni dell’Ue fra solidarietà e bilancio comunitario”; Bruno Marasà (Ufficio d’informazione del Parlamento europeo di Milano), “Verso il rinnovo del Parlamento europeo, una sfida da raccogliere”; Giuseppina Paterniti (direttore Tg3 Rai), “Identità e pregiudizi sull’Europa nella comunicazione mediatica italiana ed europea”; Milena Santerini (Università Cattolica), “Europa, casa comune”. Il convegno è sostenuto dall’Ordine dei Giornalisti della Lombardia, con l’assegnazione dei crediti formativi.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa