Papa Francesco: udienza, “non siamo creature autosufficienti, tutti abbiamo bisogno di nutrirci”

foto SIR/Marco Calvarese

“Non siamo creature autosufficienti, tutti i giorni abbiamo bisogno di nutrirci”. A ricordarci questa “evidenza che spesso dimentichiamo” è stato il Papa, che nella catechesi dell’udienza di oggi ha commentato la prima invocazione della seconda parte del Padre Nostro, “quella in cui presentiamo a Dio le nostre necessità”: “Dacci il nostro pane quotidiano”. “Le Scritture ci mostrano che per tanta gente l’incontro con Gesù si è realizzato a partire da una domanda”, ha commentato Francesco a proposito di questa “domanda impellente”: “Gesù non chiede invocazioni raffinate, anzi, tutta l’esistenza umana, con i suoi problemi più concreti e quotidiani, può diventare preghiera”. “Nei Vangeli troviamo una moltitudine di mendicanti che supplicano liberazione e salvezza”, ha fatto notare il Papa: “Chi domanda il pane, chi la guarigione; alcuni la purificazione, altri la vista; o che una persona cara possa rivivere… Gesù non passa mai indifferente accanto a queste richieste e a questi dolori”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa