Abusi: card. Da Rocha (Cnbb), “i tre pilastri sono prevenzione, giustizia e accompagnamento delle vittime”

Prevenzione, giustizia e accompagnamento delle vittime sono i tre punti prioritari nell’azione della Chiesa brasiliana per quanto riguarda gli abusi sui minori. Lo ha detto ieri, in occasione dell’Incontro del Consiglio permanente dell’episcopato, il cardinale Sergio da Rocha, arcivescovo di Brasilia e presidente della Conferenza nazionale dei vescovi del Brasile. Il porporato ha relazionato al Consiglio permanente della Cnbb sul recente incontro degli episcopati di tutto il mondo tenutosi in Vaticano, proprio per tracciare una linea comune sulla protezione dei minori.
Durante l’incontro in Vaticano “il tema è stato trattato apertamente e con molta trasparenza”, ha detto il cardinale da Rocha, il quale ha aggiunto: “Va tenuto presente che la nostra Conferenza episcopale ha una Commissione che lavora su questo tema, per aiutare i vescovi e le diocesi”. Tale commissione, attualmente presieduta da dom José Negri e integrata da esperti di diritto canonico e di diritto civile, “dovrà essere ampliata”.
Come accennato, il presidente della Cnbb ha molto insistito sulla prevenzione e sulla giustizia, ribadendo i passaggi del processo canonico nei casi di abuso. Per quanto riguarda l’accompagnamento delle vittime, ha parlato di “prossimità, assistenza spirituale, psicologica, umana e cristiana” e ha definito “commovente” l’incontro con le vittime tenutosi in Vaticano.
La tematica della protezione dei minori sarà ulteriormente dibattuta da tutti i vescovi brasiliani, in occasione della cinquantasettesima Assemblea generale della Cnbb, che si terrà in maggio ad Aparecida.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa