Venezuela: nuovo blackout coinvolge Caracas e 15 Stati. Nella diocesi di Cumaná comuni senza elettricità da 40 giorni

Una nuova interruzione del servizio elettrico si è verificata a partire dal primo pomeriggio di ieri (ora locale) in 15 Stati del Venezuela e nella capitale Caracas. Qui la metropolitana ha cessato di funzionare, mentre l’ong Prepara Familia ha denunciato che nell’ospedale infantile José Manuel de los Ríos c’è elettricità solo per le emergenze, mentre il resto dei report è senza luce e acqua. Nel tardo pomeriggio in molte zone del Paese l’energia elettrica è tornata. Proprio ieri il vescovo di Cumaná, mons. Jesus Gonzáles de Zárate Salas, ha denunciato che in alcuni municipi della diocesi, come Chacopata, Guayacan e Caimancito, la corrente elettrica manca da 40 giorni e la popolazione è allo stremo: “Non possono conservare i loro alimenti e neppure possono bere un bicchiere di acqua fresca per alleviare le inclemenze del caldo, faticano a comunicare con i loro cari in altre regioni, l’uso del fuoco per fare luce provoca danni al sistema respiratorio e per l’igiene delle loro case, non hanno denaro per realizzare transazioni commerciali e l’oscurità prolungata ha fatto perdere loro perfino il ritmo delle ore del riposo; alcuni non hanno acqua potabile”. Da qui l’accorato appello del vescovo alle autorità. Nel frattempo la situazione resta tesa. Ieri l’Organizzazione degli Stati Americani, attraverso il segretario generale Luis Almagro, ha condannato l’arrivo, avvenuto domenica, di un contingente di militari russi (circa un centinaio). L’Osa sostiene che è stato commesso “un atto lesivo” nei confronti della sovranità del Paese.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo