Sviluppo: Matera, un convegno su “etica, cultura e bellezza” come “strade per una nuova economia”

È indetta per domani alle 10, presso la sala degli Stemmi della curia vescovile, a Matera la conferenza stampa di presentazione del convegno nazionale “Etica, cultura e bellezza. Le strade per una nuova economia” che si terrà nella città dei Sassi il 29 e il 30 marzo. All’incontro prenderanno parte don Marcello Cozzi, presidente della Fondazione nazionale Interesse Uomo, e mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, arcivescovo di Matera e Irsina, per illustrare i dettagli del convegno nazionale che vede insieme Fondazione nazionale Interesse Uomo, Conferenza episcopale di Basilicata, Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale, Libera, Cestrim e Banca popolare Etica
“Il convegno – si legge in una nota – avrà lo scopo di interrogarsi su quale modello di sviluppo immaginare in alternativa a quello attuale, per il quale lo sfruttamento della persona non è un incidente casuale ma un suo principio strutturante, e in modo particolare in che modo l’etica, la cultura e la bellezza possono porsi come elementi determinanti in un processo di umanizzazione dell’economia”. Nel convegno saranno trattati i temi delle mafie e della corruzione, di biodiversità bancaria e di finanza etica, di ambiente e bellezza. Interverranno alla due giorni mons. Salvatore Ligorio, vescovo di Potenza-Muro Lucano-Marsico Nuovo e presidente della Conferenza episcopale di Basilicata, mons. Vincenzo Orofino, vescovo di Tursi-Lagonegro, mons. Antonio Giuseppe Caiazzo, don Marcello Cozzi, Lorenzo Frigerio, coordinatore nazionale di Libera informazione, il filosofo Vittorio V. Alberti, officiale della Santa Sede per il Dicastero per il Servizio dello sviluppo umano integrale, Francesco Curcio, procuratore distrettuale antimafia di Potenza, il commissario straordinario del Governo e il commissario regionale per il coordinamento delle iniziative antiracket e antiusura Annapaola Porzio e Luigi Gay, il sociologo Giacomo di Gennaro, Riccardo Milano, referente delle relazioni culturali della Banca popolare Etica, i giornalisti Sergio Rizzo, Guglielmo Ragozzino, Toni Mira, Paolo Conti. Concluderanno la due giorni il cardinale Peter Tukson, prefetto del Dicastero vaticano per il servizio allo sviluppo umano integrale, e il presidente di Libera, don Luigi Ciotti.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Riepilogo