Giustizia riparativa: Mazzocato (Univ. Cattolica), “costruire una giustizia a misura di bambino”

“Costruire una giustizia a misura di bambino, sia esso reo sia vittima”: Così Claudia Mazzucato, docente dell’Università Cattolica di Milano, sintetizza l’obiettivo della giustizia riparativa, durante il convegno, stamattina nella Sala della Lupa della Camera dei deputati a Roma, per la presentazione delle raccomandazioni dell’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza sulla mediazione penale e altri percorsi i giustizia riparativa. Dalla professoressa anche “un appello a non abbassare l’età dell’imputabilità”, in considerazione che “il nostro sistema attuale permette di avere i tassi di reati minorili più bassi al mondo”.
Ancora, “la giustizia riparativa ambisce a realizzare giustizia che vuol essere sensibile verso la vittima, dandole l’assistenza necessaria, ma, al tempo stesso, non è uno strumento solo per la vittima”. “La giustizia riparativa – ha precisato Mazzucato – ha a cuore, in modo equo, uguale e paritario, gli interessi delle persone offese e degli autori del reato, interessi che non sono in contraddizione tra di loro”. Infatti, ha chiarito la docente, “il recupero dell’autore del reato è quanto di più importante si possa fare per l’offeso e per la sicurezza sociale. La vittima va recuperata e riaccolta nella società in cui possa di nuovo sentirsi al sicuro”. Al tempo stesso, attravero i percorsi di giustizia riparativa, gli autori di reato vengono condotti alla “desistenza dal reato, che è qualcosa di più della prevenzione del reato”, perché “significa “scegliere di non compiere più illeciti”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Mondo