Web: mons. Viganò (Santa Sede), “tutto è mediale, non c’è contrapposizione tra vita reale e digitale”

“Quando si parla di vita reale e vita digitale, comunità e community si crea già a livello semantico un gap, una contrapposizione, ma questo non è così vero in quanto oggi tutto è mediale”. Lo ha ribadito mons. Dario Edoardo Viganò, assessore del Dicastero per la Comunicazione della Santa Sede, che questa sera ha preso parte all’evento “Comunità virtuali e comunità reali”, organizzato dall’Università Telematica Internazionale Uninettuno. Bisogna avere, ha evidenziato mons. Viganò, la “capacità di vivere osmoticamente queste due modalità relazionali, essendo consapevoli che si può usare la relazione strategicamente, quando il mio fine prevale sul metodo, o in modo da interagire con l’altro così che sia lui a darmi la consapevolezza di chi sono io”. Secondo l’assessore del dicastero vaticano, non si deve demonizzare il web: “la rete – ha spiegato – può imprigionare, imbrigliare, ma può essere anche la metafora del tenere insieme competenze differenti per raggiungere un obiettivo comune e può tenerci uniti in una situazione complessa e variegata come quella contemporanea”.

© Riproduzione Riservata

Quotidiano

Quotidiano - Italiano

Europa